The Hidden Treasures Bauhaus Dessau: i font dei maestri

Adobe ha annunciato The Hidden Treasures Bauhaus Dessau, un progetto straordinario in cui sono stati riscoperti e completati gli schizzi tipografici e i frammenti dei font dei leggendari maestri del design di Bauhaus, per ispirare una nuova generazione di artisti.

Bauhaus Dessau, la scuola di architettura e design di fama mondiale, fu chiusa nel 1932 dal Partito Nazionalsocialista lasciando dietro di sé capolavori incompiuti, creati da leggendari maestri come Xanti Schawinsky, Joost Schmidt, Carl Marx, Alfred Arndt e Reinhold Rossig. In collaborazione con la Bauhaus Dessau Foundation, Adobe ha iniziato a completare e digitalizzare il lavoro incompiuto, realizzando una serie di font per consentire alle persone di utilizzare gli alfabeti storici. Erik Spiekermann, designer di fama mondiale specializzato nei caratteri tipografici, ha curato il progetto di trasformazione dei frammenti in set di font Typekit completi. Spiekermann ha guidato un team internazionale di professionisti di tipografia e studenti di design per completare i font, cercando di dedurre, attraverso un calcolo dettagliato delle probabilità, come i maestri originariamente pianificassero di completare i loro progetti. Usando questi dati, il team ha utilizzato Adobe Illustrator CC per completare e digitalizzare i set di caratteri. I primi due sono già disponibili per il download in Typekit.

Simon Morris, Senior Director of Campaign Marketing Adobe ha dichiarato: “The Hidden Treasures Bauhaus Dessau è un’iniziativa nata con l’obiettivo di riportare in vita progetti creativi del passato e utilizzarli per ispirare le nuove generazioni. L’anno scorso, Adobe ha lavorato con il Munch Museum e Kyle T. Webster, il professionista più autorevole per i pennelli di Photoshop, per ricreare i pennelli di Edvard Munch. Questi pennelli digitali sono stati scaricati da decine di migliaia di persone che hanno avuto così l’opportunità di dipingere come l’artista norvegese. Quest’anno, Adobe celebra il potere della parola scritta, l’impatto che i font hanno sul modo in cui comunichiamo e il ruolo che giocano nelle arti e nella cultura. Ci auguriamo di portare ancora una volta questi tesori dimenticati nel mondo contemporaneo, per dare nuova energia alla creatività”.

Dr. Claudia Perren, Director at Bauhaus Dessau ha commentato: “Adobe ha avuto la grande idea di reinterpretare il design dei font. Iniziative come “Hidden Treasures” mostrano in modo molto preciso quanto l’eredità del Bauhaus sia attuale e affascinante. Soprattutto per le giovani generazioni di designer.”

http://adobehiddentreasures.com/?sdid=SGDJMKZV&mv=other

Rispondi