Categorie
articolo

Carenze strutturali dell’Italia e della sua scuola

L’Italia è purtroppo tra le nazioni europee più indietro nello sviluppo dell’innovazione, come evidenzia l’ultimo Rapporto Globale sul Digitale del Centro Economia Digitale.

L’emergenza del Covid-19 ha colto tutti di sorpresa ma ha anche evidenziato in modo emblematico alcune carenze strutturali del nostro Paese. L’Italia è purtroppo tra le nazioni europee più indietro nello sviluppo dell’innovazione, come evidenzia l’ultimo Rapporto Globale sul Digitale del Centro Economia Digitale. Tra i 28 paesi che compongono il vecchio continente l’Italia è al 24° posto nel punteggio DESI 2019, l’indicatore della Commissione Europea che misura il livello di attuazione dell’Agenda Digitale di tutti gli Stati membri.

A soffrire per la carenza di infrastrutture informatiche sono tutti i settori strategici del Paese e tra questi la scuola, che ha chiaramente dimostrato di non essere sufficientemente pronta ad affrontare non solo le sfide del presente, ma anche quelle future. Il problema nasce da lontano. Quello della digitalizzazione delle scuole italiane e dell’insegnamento dell’uso della tecnologia è un percorso che risale a più di dieci anni fa, quando nel 2007 si era discusso di un “Piano Nazionale per la Scuola Digitale”, cioè il programma di indirizzo del Ministero dell’Istruzione con l’obiettivo principale di modificare gli ambienti di apprendimento e promuovere l’innovazione digitale nella scuola.

Anche se i vari sistemi educativi europei includono l’educazione digitale nei propri curricoli scolastici e promuovono l’uso delle tecnologie a fini pedagogici, i fatti di questo periodo evidenziano che non si è fatto abbastanza e che esistono differenze rilevanti nel paese, con qualche eccellenza ma anche molte lacune e carenze lungo lo Stivale. D’altra parte la scuola italiana è composta da circa 850.000 docenti, che lavorano su circa 36.000 sedi, in più di 350.000 classi composte da 8 milioni di studenti dai 6 ai 9 anni, con 4,5 milioni di famiglie coinvolte.

Secondo i dati Istat 2018, una famiglia italiana su quattro non dispone di accesso alla banda larga da casa. Il gap tra il Trentino (la regione in testa alla classifica) e il Molise (in ultima posizione) è di ben 15 punti in termini di copertura. A restare indietro è ancora una volta il Sud, dove la maggior parte delle famiglie viene penalizzata: 4 su 10 non hanno il PC. Inoltre solo 3 ragazzi su 10 hanno competenze digitali elevate.

Il ritardo italiano in confronto agli altri paesi europei è dovuto anche dall’affanno dei docenti: solo il 47% degli insegnanti, secondo il report Educare Digitale di Agcom del 2019 tracciato su dati Miur, afferma di utilizzare le tecnologie quotidianamente nelle proprie attività formative.

Eppure investire nella scuola è un passo essenziale per guardare al futuro. L’educazione digitale deve necessariamente incentivare da una parte lo sviluppo di competenze rilevanti per gli studenti e per gli insegnanti, dall’altra l’uso pedagogico delle tecnologie per supportare, migliorare e trasformare l’apprendimento e l’insegnamento. 

Conseguire questo ambizioso traguardo richiede però partire dall’infrastruttura tecnica, la nota davvero dolente. Sempre secondo l’Agcom solo il 9% delle scuole primarie, l’11,2% delle secondarie di primo grado e il 23% delle scuole superiori ha disponibilità di banda internet di qualità. Da qui bisogna partire.

La spinta può arrivare dai fondi stanziati dal decreto “Cura Italia” che rende disponibili 10 milioni di euro per consentire alle istituzioni scolastiche statali di dotarsi immediatamente di piattaforme e di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o di potenziare quelli già in dotazione. A questi si aggiungono 70 milioni di euro per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso, dispositivi digitali individuali per poter accedere alla rete e alle piattaforme di e-learing; 5 milioni di euro per formare il personale scolastico sulle metodologie e le tecniche per la didattica a distanza.

Estratto dal comunicato Ripartiamo dalla scuola di TP-Link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *