Il digital divide nel mondo dell’istruzione è ancora molto forte

Il digital divide nel mondo dell’istruzione è ancora molto forte

L’Università di Southampton ha presentato un rapporto, commissionato da Qualcomm Technologies, Inc., che analizza come l’esclusione digitale all’interno delle classi venga alimentata dall’impossibilità di accesso ai dispositivi e alla connettività.

Gli insegnanti e gli studenti di tutta Europa sono fortemente consapevoli delle sfide e dei disagi causati dal Covid-19. Una questione chiave sarà come ridurre il divario digitale, diventato ancora più evidente durante la pandemia, con alcuni studenti effettivamente tagliati fuori a causa della mancanza di connettività, di dispositivi adatti o addirittura di entrambi.

Dalle risposte di 2571 intervistati europei, provenienti da Italia, Regno Unito, in Germania, Francia e Spagna, è emerso che per più di un terzo (36%) l’effetto del digital divide è “alto” o molto “alto”. Un ulteriore 39% ha descritto l’impatto del digital divide come “medio” e solo il 25% lo ha descritto come “basso” o “molto basso”.

Le aree svantaggiate stanno sperimentando le stesse barriere di digital divide pre-Covid
La ricerca svela come gli intervistati percepiscano gli ambienti di apprendimento ibridi e confronta l’accesso alla connettività negli istituti e in classe rispetto al Wi-Fi di casa, mostrando come molti studenti in tutta Europa abbiano avuto problemi di accessibilità alla tecnologia, con conseguente impossibilità di accesso all’apprendimento e alle opportunità educative. Nel 2020 il World Economic Forum (WEF) ha rivelato come più di un miliardo di bambini in tutto il mondo fosse impossibilitato ad accedere alle aule, a causa di misure di quarantena. Indipendentemente dal fatto che innumerevoli scuole hanno eseguito quotidianamente lezioni online, molti di questi bambini semplicemente non potevano prenderne parte. Le condizioni particolarmente difficili degli ultimi due anni hanno solo esacerbato il problema, creando seri ostacoli per studenti e insegnanti.

La mancanza di connettività e di accesso ai dispositivi ha lasciato molte famiglie a basso reddito in tutto il mondo in una situazione di svantaggio durante i 20 mesi precedenti – con l’insegnamento e l’apprendimento “ibrido” che avviene in classe e virtualmente in base al tasso di infezione del momento. Tuttavia, sappiamo che l’innovazione e le tecnologie come il 5G, combinate con il supporto dei governi e dell’industria tecnologica in termini di programmi, iniziative governative e piani e dispositivi scontati, possono giocare un ruolo critico nel colmare il divario digitale. Per un numero significativo di famiglie, questo divario digitale rimarrà una realtà molto dopo la pandemia, quindi è vitale che le organizzazioni lavorino per garantire la disponibilità del 5G, dei dispositivi e dei programmi anche in futuro.

Gli ambienti di apprendimento ibridi rimarranno la nuova normalità per l’educazione
Mentre navighiamo attraverso la prossima fase della pandemia, le varianti con alti tassi di trasmissione stanno causando carenze di personale e la malattia degli studenti sta facendo ripiombare le istituzioni educative in ambienti di apprendimento ibridi. Secondo la ricerca, un numero significativo di intervistati (80%) indica che l’apprendimento ibrido rimarrà un elemento importante delle pratiche di istruzione in futuro. Dato l’ampio bacino di intervistati in diversi contesti educativi, questo campione iper-rilevante di intervistati nel cuore del settore dell’istruzione, conferma che l’apprendimento ibrido è a lungo termine, ovunque, e i settori dell’istruzione e della tecnologia devono lavorare insieme per superare questa sfida globale.

Connettività Internet in loco o a casa
Quando si esamina la forza della connettività internet nell’istruzione superiore e nei contesti universitari, in termini di qualità Wi-Fi molto scarsa e scarsa, i risultati dimostrano che gli studenti con accesso alla connettività internet ad alta velocità a casa spesso sperimentano una qualità Wi-Fi peggiore mentre sono in classe/nel campus. A casa, dove molti studenti si sono trovati per lunghi periodi della pandemia, un totale del 15% degli studenti ha riferito di avere solo un Wi-Fi scarso (3,9%) o discreto (11,1%). Un Wi-Fi scarso o discreto può causare problemi per l’istruzione online sia in termini di disponibilità che di velocità di connessione – o entrambi, il che può impedire agli studenti di partecipare a sessioni di insegnamento condotte tramite videochiamate.

La qualità delle reti Wi-Fi domestiche e scolastiche può essere influenzata dalla pressione sul Wi-Fi della scuola a causa dell’enorme volume di studenti che cercano tutti di connettersi alla stessa connessione, rispetto al Wi-Fi di casa dove il numero di dispositivi connessi sarà significativamente inferiore. In un ambiente scolastico gli studenti possono essere più lontani dai punti di accesso Wi-Fi (ad esempio, un router) di quanto lo sarebbero a casa. Forse in parte per queste ragioni, gli studenti hanno riferito di aver avuto più problemi di connettività nelle loro aule, biblioteche e campus rispetto a casa quando accedono a Internet ad alta velocità utilizzando dispositivi informatici.

Secondo la nostra ricerca, il divario digitale si sente sia a casa che in classe. Questo è un risultato importante perché mostra che le iniziative per affrontare il divario digitale non dovrebbero dare per scontati i contesti educativi e devono concentrarsi sull’accelerazione della connettività sia dentro che fuori l’aula. Questo è particolarmente importante per gli studenti che non possono imparare da casa.

La ricerca dell’Università di Southampton evidenzia un divario di conoscenza della tecnologia che contribuisce al divario di connettività. Lo studio ha chiesto agli intervistati le loro opinioni sugli Always Connected Personal Computers (ACPC), che combinano l’efficienza del processore di uno smartphone nel corpo di un computer portatile. Questi dispositivi sono dotati di connettività cellulare integrata tramite una scheda SIM e non hanno bisogno di una connessione Wi-Fi o di dispositivi esterni a banda larga per la connettività Internet, rendendoli adatti al lavoro e all’apprendimento a distanza.

Sulla base dei risultati della ricerca, è necessario aumentare la presenza di questi dispositivi nei contesti educativi. Gli ACPC sono una soluzione per risolvere alcune delle sfide sperimentate. Gli ACPC si affidano meno al Wi-Fi grazie alle loro capacità cellulari. L’uso dei dati mobili porta anche ulteriori caratteristiche di sicurezza dei dati che mancano ai dispositivi tradizionali. Abbinati a un’incredibile durata della batteria, gli ACPC stabiliscono lo standard per l’uso dei dispositivi dentro e fuori l’aula. Quando sono state spiegate le basi degli ACPC, il 52% degli intervistati ha detto di essere disposto ad adottarli. Ma solo il 31% degli intervistati era effettivamente a conoscenza degli ACPC. Chiudere questo 21% sarà cruciale per colmare il divario di connettività nell’istruzione. Questo punto è solo rafforzato dal fatto che l’87% degli intervistati si aspetta che gli ACPC diventino importanti nella fornitura di apprendimento ibrido e il 69% crede che gli ACPC aiuteranno l’apprendimento a casa e a scuola.

Elliott Levine, direttore, Worldwide Education, Qualcomm Technologies Inc. “Negli ultimi due anni, educatori di ogni angolo del mondo si sono riuniti per dimostrare la notevole energia, passione e capacità di recupero per promuovere i risultati accademici dei nostri figli.  Questo studio ha dato voce a quegli educatori in tutta Europa, e abbiamo sentito le loro opinioni forti e chiare. Per avere successo, insegnanti e studenti hanno entrambi bisogno di dispositivi sempre connessi con le prestazioni e la durata della batteria per rendere l’apprendimento ibrido efficace e sostenibile. Noi di Qualcomm condividiamo questa visione e l’impegno per la nostra tecnologia”.

Il dottor PK Senyo, professore associato in FinTech e Informazione, Università di Southampton dichiara “Il modo in cui insegniamo e gli studenti imparano è stato ridefinito per sempre. Molte persone credono che i divari digitali si verifichino solo al di fuori di un’aula o di un campus, ma questa ricerca ha evidenziato che dobbiamo agire per fornire la connettività appropriata e l’accesso ai dispositivi anche quando gli studenti sono in loco. Si tratta di una riforma che il settore dell’istruzione ha richiesto da tempo, anche se forzata dalla pandemia, ma che ora dobbiamo sfruttare per fornire le migliori esperienze di insegnamento e apprendimento. Abbiamo un’opportunità unica nella vita di affrontare la sfida del digital divide, ma dobbiamo farlo ora, per garantire che ogni studente sia in condizioni di parità”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.