Dove ci porterà la tecnologia senza la discussione etica?

E’ sempre più complesso capire la tecnologia ed intravedere dove ci porterà.
E’ sempre più normale, accettarla e utilizzarla senza comprenderla e soprattutto senza discutere le possibili implicazioni etiche.
Per me lettore fin da piccolo di fantascienza è semplice vedere che la mera accettazione di piccole novità senza discussione e senza perplessità ci porteranno a breve in territori ardui.

Alcuni esempi:
in medicina non accettare trasfusioni è condannabile. Accettare trapianti è prassi comune compresi di cuore e di occhi. Pensate alla difficoltà fino a poco tempo fa di accettare di avere un cuore di un altro o vedere con gli occhi di un altro.
Se le parti sono di un animale meglio. Se le parti sono artificiali meglio ancora. I nostri figli giocano normale con/ad essere cyborg.
Pensate ad un uomo con la possibilità di poter disporre fin dalla nascita di pezzi di ricambio.
Pensate ad un uomo con la possibilità di poter disporre fin dalla nascita di pezzi di ricambio potenziati.
Pensate ad un uomo che all’occorrenza possa usare/montare pezzi di ricambio potenziati.

Pensate ad un uomo che può disporre di capacità di memorizzazione esterna, di capacità di calcolo esterna, di una capacità di calcolo velocissima dotata di un software in grado di apprendere (intelligenza artificiale).
Pensate ad un uomo sempre connesso, con un network istantaneo, senza limiti di memorizzazione, senza limiti di calcolo, senza limiti di risorse.

Pensate ad un uomo in grado di ragionare fuori dal proprio corpo e che quindi possa vivere e continuare a vivere fuori dal proprio corpo (è questa l’eternità?).
Queste sono considerazioni su un futuro vicino, già immaginabile, se ci sono arrivato io!

La discussione etica non deve aiutarci a dare risposte a tutte le diavolerie che ci presenterà la tecnologia indicandoci cosa è giusto e cosa è sbagliato.
L’etica deve darci delle risposte di base che devono essere accettate da tutti compresi i ricercatori nelle loro ricerche prossime, a semplici fondamentali domande:

Cos’è il mio corpo?
Cos’è la mia mente?
Cos’è la mia realtà?

Rispondi