Il miglior fresatore d’Italia verrà nominato a Piacenza durante il Campionato Fresatori 2018

Mercoledì 5 dicembre il CNC Contest – Campionato Fresatori Randstad 2018, la manifestazione che nell’ultimo mese ha attraversato l’Italia alla ricerca dei migliori fresatori del Paese, giunge al suo ultimo atto. Presso il Centro Tecnologico Applicativo (TAC) Siemens di Piacenza, in Via Lorenzo Beretti Landi 13, si terrà la finale del campionato, che metterà a confronto i 15 migliori fresatori di ogni territorio, selezionati nel corso delle precedenti tappe, in una prova di programmazione di una macchina a controllo numerico. Il risultato della finale eleggerà il campione nazionale 2018.

Il CNC Contest – Campionato Fresatori Randstad 2018 è un’iniziativa promossa da Randstad Technical, la specialty dedicata alla ricerca, selezione e gestione delle risorse qualificate in ambito metalmeccanico, metallurgico ed elettrotecnico, in collaborazione con Siemens, Cnos-Fap, e con il patrocinio di Ucimu, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot, automazione. Un tour in 15 tappe con partenza a Bra (CN) e conclusione ad Arese (MI), passando per Casale Monferrato (AL), Abbiategrasso (MI), Perugia, Roseto degli Abruzzi (TE), Forlì, Montichiari (BS), Trento, Vicenza, Pavia, Modena, Casalecchio di Reno (BO), Firenze e Cremona, che dal 16 ottobre al 26 novembre ha girato l’Italia alla ricerca dei campioni di fresatura di ogni territorio. Il CNC Contest Randstad nasce con l’obiettivo di accendere i riflettori su una figura professionale molto richiesta dalle imprese ma altrettanto difficile da reperire sul mercato con adeguate qualifiche ed esperienza, mettendo in contatto domanda e offerta di lavoro tra operai specializzati ed aziende alla ricerca di personale.

Nella finale di Piacenza, i campioni di ognuna delle 15 tappe precedenti si sfideranno in un esercizio di programmazione ISO di una vera macchina fresatrice a controllo numerico, utilizzando Sinutrain – il software di programmazione di Siemens in grado di simulare esattamente il controllo numerico Sinumerik – a disposizione nelle aule di training del TAC. I partecipanti, selezionati da Randstad Technical fra neodiplomati e giovani in cerca di un impiego, hanno beneficiato di un corso teorico/pratico di 160 ore sulla programmazione di macchine utensili. “Ad un Contest così altamente competitivo, Siemens ha risposto non solo con un training per i formatori incaricati del trasferimento tecnologico ai ragazzi che hanno partecipato, ma anche con un software di programmazione come Sinutrain che crea il digital twin del reale CNC, con macchine fresatrici a controllo numerico altamente performanti, ma soprattutto con un Centro Tecnologico Applicativo (TAC) dove coniugare didattica e pratica e dove operare come in una vera smart factory”, afferma Nicodemo Megna, Responsabile del TAC di Piacenza di Siemens Italia.

Gli autori dei tre esercizi migliori, selezionati da una giuria tecnica, saranno i protagonisti dell’ultima spettacolare prova del campionato. Abbandonati i simulatori, i tre giovani programmatori dovranno dimostrare la loro abilità cimentandosi nella realizzazione di un autentico pezzo di fresatura con una vera macchina a controllo numerico.

La finale metterà in luce sia le competenze di meccanica necessarie all’analisi della lavorazione sia quelle tecnico-informatiche utili all’inserimento dei corretti comandi di programmazione. I tre fresatori sul podio beneficeranno di un corso di formazione sulla programmazione di macchine a controllo numerico presso il TAC Siemens di Piacenza.

“Il fresatore è un profilo spesso sottovalutato dai giovani, ma che invece può offrire grandi soddisfazioni professionali ed economiche, a patto di possedere il giusto mix di competenze tecniche ed esperienza – spiega Andrea Milan, Project Manager di Randstad Technical. Il CNC Contest è una grande opportunità per questi ragazzi di acquisire queste competenze ed entrare in un settore professionale dove non mancano le offerte di lavoro. Ma è anche un modo per aiutare le imprese a trovare profili adeguati alle loro necessità e una scommessa sul talento dei candidati, che devono dimostrare di poter mettere a frutto le proprie capacità non solo in aula ma anche in azienda. La finale di Piacenza dirà chi di loro è il migliore”.

Rispondi