Giovani ambasciatori contro il cyberbullismo per un web sicuro

Lenovo sostiene la campagna “Giovani ambasciatori contro il cyberbullismo per un web sicuro” promosso dal MOIGE (Movimento Italiano Genitori Onlus). Il progetto, presentato oggi nella settimana del Safer Internet Day 2019 presso l’Istituto Superiore “Francesco Morano” di Caivano (Na), ha l’obiettivo di fornire alle famiglie gli strumenti idonei per fronteggiare il fenomeno del cyberbullismo, promuovere tra i minori una maggiore consapevolezza dei rischi e supportarli nell’acquisizione di competenze per una gestione costruttiva dei conflitti interpersonali, e diffondere una cultura digitale sui pericoli connessi all’uso improprio delle tecnologie.
In difesa dei più giovani, il Moige mette a disposizione un “Centro mobile” di sostegno e supporto alle vittime di cyberbullismo. Un ufficio itinerante con personale specializzato che effettuerà il giro dell’Italia raggiungendo le scuole e i comuni che richiedono l’intervento.
L’azione di sensibilizzazione e di prevenzione si realizzerà attraverso interventi formativi e informativi rivolti agli studenti delle scuole selezionate, 100 su tutto il territorio nazionale, ai loro genitori e ai loro insegnati. Ciascun istituto selezionerà cinque alunni che diventeranno “Ambasciatori della lotta al cyberbullismo”, un punto di riferimento per chiedere aiuto o per segnalare eventuali episodi, che si formeranno su un portale dedicato, con il supporto del docente referente del progetto, e che diventeranno i protagonisti dell’azione formativa sui loro compagni.
Per la realizzazione delle attività di progetto sul “Centro mobile” in tour nelle scuole e nelle piazze, per il coordinamento delle aziende della sede centrale di Roma oltre che per l’affiancamento del call center di supporto, Lenovo mette a disposizione alcuni tra i più innovativi dispositivi tecnologici.
La campagna “Giovani ambasciatori contro il cyberbullismo per un web sicuro” mira a raggiungere 80 mila genitori e formare 500 nuovi giovani ambasciatori, che si aggiungeranno a 50 mila studenti e più di 100 mila tra docenti e genitori già attivi sul territorio nazionale.

Rispondi