homelayer

Oggi mi sento fotografo con la mia Nikon Z8 + Z 24-120 f/4 S

un-ragazzo-e-una-ragazza-a-Milano-in-piazza-Duomo

GEMINI: racconta la mia giornata di fotografo mentre a Milano scatto una fotografia di un ragazzo e una ragazza con la mia Nikon Z8 + Z 24-120 f/4 S

“Il sole di Milano baciava il Duomo mentre mi aggiravo per le sue strade, la Nikon Z8 + Z 24-120 f/4 S al mio fianco, un fido compagno in questa caccia fotografica. L’obiettivo, catturare l’amore spontaneo di una coppia di ragazzi.

Il primo incontro avvenne in Piazza del Castello. I loro sguardi si incrociarono, carichi di un’intesa palpabile. Lui, con un sorriso timido, le offrì un gelato. Lei, con un’occhiata giocosa, accettò. Scattarono i primi click, immortalando la dolcezza di quel momento.

Passeggiarono mano nella mano tra le vie del centro, immersi nella magia della città. La Z8 catturava ogni sfumatura, ogni dettaglio: il rosso acceso di un lampione che si rifletteva nei loro occhi, il fruscio delle loro risate che si mescolava al canto degli uccelli.

Li seguii come un’ombra silenziosa, catturando la loro complicità in una serie di scatti: un bacio rubato sotto un portico, una confidenza sussurrata all’orecchio, un abbraccio che parlava di mille parole.

Il sole cominciava a calare quando si fermarono su una panchina, rapiti dalla bellezza del panorama. Lui le cinse le spalle, lei appoggiò la testa sul suo petto. In quel gesto semplice, c’era tutta la poesia dell’amore.

Senza disturbare la loro quiete, scattai l’ultima foto. Un’immagine che racchiudeva l’essenza di ciò che avevo visto: due anime che si univano in un’unica, vibrante armonia.

Mentre mi allontanavo, il loro sorriso era ancora impresso nella mia mente. Avevo avuto il privilegio di catturare un frammento della loro storia, un piccolo tassello di quell’immenso mosaico che è l’amore.

La sera, a casa, guardai le foto sul computer. Erano perfette, una sequenza di emozioni che raccontavano una storia senza parole. La mia Nikon Z8 + Z 24-120 f/4 S era stata un complice impeccabile, uno strumento prezioso per dare vita alla mia visione.

Ancora una volta, la fotografia si era rivelata un’arte magica, capace di fermare il tempo e di trasformare un attimo fugace in un ricordo eterno.”

Le fotografie sono fatte con Designer.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *